Password dimenticata?
OPZIONI
Home

Mobilità sostenibile e salute. Firmato protocollo d’intesa fra Rete Città Sane e FIAB

La Rete Città Sane OMS, di cui attualmente il Comune di Modena detiene la presidenza, è un network di circa ottanta città italiane che lavora sulle tematiche della salute e della prevenzione, seguendo le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Anche la Federazione Italiana Amici della Bicicletta (FIAB), associazione senza fini di lucro presente in tutta Italia con oltre 150 realtà locali e oltre 20.000 soci e attiva nel promuovere la mobilità ciclistica, include tra le sue finalità quella di realizzare interventi atti a incentivare stili di vita sani a favore della salute individuale e collettiva. Entrambe le associazioni seguono i dettami della Carta di Toronto per l’attività fisica: una chiamata globale all’Azione.


retecitta_sane.jpg


Sulla base di questi comuni intenti Rete Città Sane OMS e FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta hanno deciso di unire gli sforzi, arrivando a un protocollo nazionale che è stato firmato il 1° settembre 2016 a Modena presso l'ufficio della segreteria nazionale della Rete Città Sane e che sigla i comuni impegni di lavoro sui temi della mobilità sostenibile in connessione con la salute.

LEGGI TUTTO

 

Fiab al CosmoBike Show, 16-19 settembre 2016 - Veronafiere (pad. 6-7-9), Viale del Lavoro 8, Verona

Fiab animerà CosmoBike Show con una serie di appuntamenti, eventi e manifestazioni oltre che essere presente con il consueto stand (nel pad.9), presso il quale iscriversi, procurarsi le pubblicazioni edite da Fiab, avere informazioni sulle attività e sui progetti in corso o proporne di nuovi.
 
cosmobike2016_vr.jpg
 
La novità di quest'anno è la predisposizione di quattro ciclovie, individuate grazie a FIAB Verona, che attraversano la città e permettono a tutti i visitatori che lo vorranno di raggiungere Veronafiere in bicicletta dalla stazione o, se proprio non se ne può fare a meno, di utilizzare parcheggi scambiatori auto-bici (informazioni). Viene confermata ed anzi ampliata l'area bambini, gestita in collaborazione tra Fiab e Strider. Presso il Padiglione 7 i bambini dai 18 mesi ai 5 anni potranno provare le balance bike o fare le prime esperienze senza le rotelle. In particolare, venerdì mattina ci sarà una sessione speciale per i più piccoli (scuole materne), al pomeriggio sarà dedicato uno spazio alle persone con disabilità, utilizzando le special needs bike, esperienza ripetuta al sabato mattina; dal pomeriggio e per tutta la domenica l'area sarà a disposizione dei bambini. Lunedì l'area sarà invece chiusa. E' presente anche una pump track per ragazzi un poco più grandi, non seguita da Fiab.
 
 

Con FIAB alla Bicistaffetta 2016. Da Termoli a Rimini lungo la Ciclovia Adriatica

Si pedala dall’11 al 17 settembre per 475 chilometri attraverso Molise, Marche, Abruzzo ed Emilia Romagna
Torna l’annuale appuntamento organizzato dalla Federazione Italiana Amici della Bicicletta per promuovere la rete ciclabile nazionale Bicitalia e il cicloturismo.
Promuovere la realizzazione della rete ciclabile nazionale Bicitalia* (www.bicitalia.org ) e sensibilizzare, lungo il percorso, i rappresentanti delle istituzioni, i portatori di interessi economici, sociali e ambientali e i semplici cittadini sui temi delle infrastrutture e dei servizi necessari allo sviluppo della mobilità ciclistica e del cicloturismo nel nostro Paese.

bicistaffetta_11settembre2016.jpg

Questi in sintesi gli obiettivi di Bicistaffetta, l’importante manifestazione promossa ogni anno da FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta che, per la 16^ edizione in programma dall’11 al 17 settembre, percorrerà i 475 km del litorale medio Adriatico, dal Molise all’Emilia Romagna attraversando per intero le coste di Abruzzo e Marche.
Con partenza da Termoli e arrivo a Rimini, Bicistaffetta 2016 segue, di fatto, il tratto centrale della Ciclovia Adriatica Bicitalia 6, che va da Trieste a Santa Maria di Leuca lungo un percorso di 1.300 chilometri totali. Tra gli obiettivi della manifestazione anche quello, molto ambizioso, di inserire la Ciclovia Adriatica nel grande circuito europeo EuroVelo, curato da ECF-European Cyclists’ Federation e di cui FIAB è centro di coordinamento del progetto in Italia.

LEGGI TUTTO

 

Paciclica 2016, in viaggio per l’Ambiente e la Pace - Perugia e Assisi 8, 9 ottobre 2016

Paciclica, l'iniziativa di pedalare da casa fino ad Assisi per partecipare alla Marcia della Pace, sarà per la prima volta parte integrante del Programma Ufficiale della Marcia stessa. Sia il sabato con la pedalata finale che quest’anno andrà esattamente da Perugia ad Assisi, sia la domenica, perché - grande novità per noi – saremo con le nostre bici in testa alla Marcia già al suo avvio, il che oltre a essere un bel riconoscimento ha evidenti risvolti mediatici.

paciclica2016_assisi.jpg

Pertanto il prossimo 9 ottobre sarebbe molto auspicabile uno sforzo in più da parte di tutti i ciclisti Fiab: dobbiamo cercare stavolta di essere in tanti, affinché le nostre istanze di sempre, di ciclabilità urbana, di sostenibilità ambientale e di città possibili, possano trovare evidenza in quella che è la più importante manifestazione pacifista e civile in Italia.  In questo senso, la presidente Fiab ha già assicurato la sua presenza.

LEGGI TUTTO

 

Un bike manager per la capitale

La Capitale è il punto di riferimento di una nazione. Le vicende politico amministrative di Roma stanno facendo passare in secondo piano una piccola rivoluzione che può finalmente aprire le porte ad un nuovo modo di governare il tema della ciclabilità nelle città.
bike_manager_roma.jpg
 
La città di Roma ha designato un bike manager che si occupi dello sviluppo della mobilità ciclistica della capitale: una figura nuova che dovrà coordinare diversi settori e competenze per dare finalmente anche a Roma una rete ciclabile diffusa e sicura e riuscire a far scendere dall'auto milioni di automobilisti per utilizzare una bicicletta e i mezzi pubblici.
La posizione è un'assoluta novità che vale la pena evidenziare come il tentativo di voltare pagina per iniziare - speriamo - una nuova storia della mobilità a Roma: e se ci riesce Roma allora possono e devono riuscirci anche le altre città d'Italia.
Ecco perché guardiamo con attenzione alla nostra Capitale ed è per questo che abbiamo fatto i nostri auguri a chi oggi è investito di questo difficile ruolo, Paolo Bellino, che non ha bisogno di presentazioni.
 
 

Da oggi, anche in Italia, si parla di Ciclovie

E’ notizia di pochi giorni fa, il 27 luglio 2016, la firma di due ministeri e di 8 regioni sui protocolli d’intesa per la progettazione e realizzazione dei primi tre grandi itinerari ciclabili nazionali (il protocollo relativo al GRAB romano è stato rinviato più avanti). Si tratta della declinazione pratica di quanto previsto nella Legge di stabilità approvata lo scorso dicembre con la quale il Parlamento stanziò oltre 90 milioni, nel triennio 2016-2018, per tale scopo.

ciclovie_turistiche2016.jpg


E’ una data sicuramente importante per chi come noi ha speso molte energie sul tema della rete nazionale e dei grandi itinerari italiani ed europei e rappresenta un punto di partenza se si vuole dotare anche l’Italia, così come molti paese europei, di una rete sovraregionale che dialoghi e si compenetri con l’Europa integrandosi con la grande rete EuroVelo .
La FIAB è dai primi anni ’90 che “pensa alla necessità di promuovere il cicloturismo in ambito nazionale” dapprima con la proposta della Ciclopista del Sole (ora Ciclovia del Sole) come primo elemento di una futura rete di percorsi ciclabili e poi, con la rete vera e propria denominata Bicitalia. Ad essere precisi nei primi anni del nuovo secolo alla FIAB venne commissionato dal Ministero delle Infrastrutture lo studio di fattibilità della CPS e dall’AICC (Ass. Italiana Città Ciclabili) per conto del Ministero dell’Ambiente lo studio della rete nazionale di percorribilità ciclistica, ma sembra che di questi documenti nei vari ministeri si siano perse le tracce.

LEGGI TUTTO

 

I ciclisti non salveranno il mondo. Gli automobilisti, se vanno piano, magari qualche vita sì

Dite ai ciclisti che possono salvare il mondo anche leggermente più a destra”. Due anni fa è circolato nei social questo post. Il solito lamento-tormentone sui grupponi domenicali di ciclo-sportivi sulle strade extraurbane?
Sui “grupponi” ho già scritto in un precendente articolo (La vexata quaestio dei grupponi di ciclo-sportivi sulle strade ).

ciclisti_automobilisti_vita.jpg

Mentre, due anni fa, ho spiegato che i ciclisti urbani quando non si spostano più a destra è perchè non possono farlo. Per le auto parcheggiate in doppia fila o, abusivamente, sulla corsia ciclabile oppure per il rischio di un’improvvisa sportellata. Per non parlare di tombini, cocci di vetro e del lerciume che si trova a bordo strada. I ciclisti devono osservare il codice stradale, che prescrive la destra, ma nel contempo comportamenti prudenti (articolo “Ciclisti potete salvarvi la pelle anche non stando troppo a destra ”).
Presi dallo “stare più a destra”, in ben pochi abbiamo colto la “trappola” di questa frase. Studiata da abili comunicatori contiene una premessa, funzionale a veicolare una ben determinata idea sui ciclisti: presuntuosi che pretendono di salvare il mondo.

LEGGI TUTTO

 

Il fiume Tesina e le rocce della pianura vicentina - 4 settembre 2016 4settembre_bericando.jpg

 

Cresce l'uso della bici per andare a lavoro

crece_lavoroinbici.jpg
Che in Italia cresca la passione per le biciclette noi della FIAB lo sappiamo bene. E le nostre impressioni vengono spesso suffragate anche da studi che non provengono dal mondo dell'associazionismo.
Questa volta è la Confartigianato che evidenzia come le imprese che producono, riparano e noleggiano biciclette sono 3.043, danno lavoro a 7.815 addetti e, tra il 2013 e il 2016, sono aumentate del 2,8%. Un segmento di nicchia in cui dominano gli artigiani con 2.103 imprese e 3.936 addetti, concentrate soprattutto in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. Il fatturato del settore tocca 1,2 miliardie, nel primo bimestre 2016, la produzione è aumentata del 13,8%rispetto al 2015, un trend più che doppio rispetto al +6,6% registrato nell’Unione Europea.
 
La fotografia del settore, che unisce tradizione produttiva e innovazione tecnologica, è contenuta  in un rapporto dell’Ufficio studi della Confartigianato, per presentare l’esposizione di bici ‘Artibici’, organizzata il mese scorso a Milano nell’ambito della mostra ‘New Craft’ presso la Fabbrica del Vapore, una delle iniziative della XXI Triennale del Design.
 
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

 

PROSSIME INIZIATIVE

 

Presto disponibile il calendario invernale

ciaspole2017_150.jpg
Proposte per escursioni in territorio innevato ma anche collinare
 

SEGNALAZIONI

 

La Regione Veneto istituisce il Tavolo per la Mobilità Ciclistica

regione_veneto_tavolo_mobilita.jpg
 

Chi fa cicloturismo non fa autoturismo

cicloturismo_no_autoturismo.jpg
 

10 anni di proposte inascoltate

10annipropostein.jpg
 

Ancora senza targa?

targa2015.jpg
La trovi in sede e nei Tuttinbici Point
 

Campionato europeo di furto bici. Roma tra le finaliste

bici_citta_furto_roma.jpg
 

Sicurezza stradale e Mobilità dell’Utenza non motorizzata

quaderno_sic_stradale.jpg
 

Chiediamo le strade a misura di bambino

30_e_lode_sondaggio.jpg
Partecipa al concorso
 

Ad Arezzo il cicloturismo incontra l’ospitalità rurale

ciclotour2015.jpg
 

Le associazioni ambientaliste chiedono vagoni attrezzati per le bici

nuovitreni500_150.jpg
 
muoversi_citta_libro_150.jpg
 

Protocollo d'intesa RFI-FIAB. Stazioni più accessibili per la bici

accordo_rti_fiab.jpg
 

Il miglior sistema di bike sharing del mondo è in Cina?

bikesharing_cina.jpg
 

VUOI ENTRARE NEL NOSTRO GRUPPO DI AMICI?

iscriviti.jpg
Iscriviti e riceverai le nostre "Newsletter e Infogite": sarai tempestivamente informato di tutte le attività e le escursioni.
 

Olanda: nasce la prima pista ciclabile a pannelli solari incorporati

pista_ciclabile_fotovoltaica_150.jpg
 

In Europa ce l'abbiamo fatta!

europaecf2012dicembre_150.jpg
 

Volete salvare delle vite? Istituite zone 30 in tutte le città

zone30citta.jpg
La proposta di Tuttinbici 
 
tuttinbici_fb150.jpg
 
bc_150.jpg
Socio FIAB? La ricevi.
Regala l'abbonamento ad un amico  
 

TUTTINBICI FIAB VICENZA

ADERISCE A:

logo_fiab_in_evidenza_home.jpg
 
logo_ecf_in_evidenza_home.jpg
Documento senza titolo

IN EVIDENZA

 
E' iniziata la campagna tesseramento per l'anno 2017.
Rinnova l'iscrizione o diventa nuovo socio, ora puoi farlo direttaemente online cliccando qui
iscrizioni2017_150.jpg
 
newsletter_ottobre2016.jpg
 

Mobilità sostenibile, l'esperienza di V.E.Lo.C.e. (Veloce Logistic Center)

citta30lode2016.jpg
 

Bicicletta nel cortile condominiale

bicicletta_condominio.jpg
 

Programma 2016

programma2016_150.jpg
 

Settimana della mobilità sostenibile in bicicletta

settimana_europea_fiab.jpg
 

La ciclabile dell’Oglio dal Tonale a Mantova

ciclabile_oglio_mantova.jpg
 

Vacanze in bici. Sì o no?

vacanzebici_sondaggio_150.jpg
Partecipa alla ricerca
 

In bici su tutti i nuovi treni nel Friuli Venezia Giulia

treni_friuli_ok_150.jpg
 
 
5x10002015.jpg
 

Priorità alla sicurezza attiva

sicurezza_attiva_fiab2015_150.jpg
 

Dalla parte di chi pedala ogni giorno

dallapartedichipedala.jpg
 

La piattaforma della FIAB per il Treno+Bici

treno_bici_fiab.jpg  
 
fiab_che_storia.jpg  
 
albergabici.jpg
Tutte le strutture idonee ai ciclisti  
 

I Video

sezione_video.jpg
 

FACCIAMOCI VEDERE !

giubbino.jpg
Campagna FIAB 2014
Il ciclista illuminato
di sera e di notte sempre visibili

Nuovi giubbini rifrangenti FIAB nelle ore serali
 

Ruotalibera

ruota_libera_periodico.jpg
 
bicitalia2014_sito_150.jpg
Visita il nuovo Bicitalia.org
 
ciascunoilsuo.jpg
In bici fatti notare!
 

Bassano ha intervistato la Dott.ssa Laura Todesco

bassanointervista.gif